martedì 17 luglio 2012

Il rospo di Perline e Bottoni

Inauguriamo oggi la rubrica della posta dei rospi, uno spazio lasciato appositamente per raccogliere tutti i rospi che non riuscite a mandar giù. Oggi pubblichiamo il rospo di Perline e Bottoni

Approdata per caso nel vs blog, temo di aver trovato il mio habitat naturale. Di rospi ne ho a quintalate, alcuni ingoiati anche in un sol boccone.

Iniziamo dal primo, il più recente:

abito in una ridente cittadina della costa abruzzese (con una b sola, non con 2 come sovente leggo...) dove la pianura è pianura anche se circondata da colline. Nonostante il Pescarese tipico necessita di quattroruote sotto il posteriore per andare dal posto A al posto B anche se questi distano poco meno di 50 metri, la penuria di parcheggi e il caldo tropicale fanno sì che d'estate il numero di veicoli a due ruote aumenti vertiginosamente. Soprattutto e per fortuna le biciclette. Capisco che si debba lottare contro la cecità assoluta dell'amministrazione comunale che multa e sequestra le bici attaccate ai pali e/o agli alberi nonostante le rastrelliere siano del tutto insufficienti, capisco che nel traffico sia anche pericoloso farsi strada tra le auto, le moto e gli autobus. Ma....

VORREI SAPERE PER QUALE C***O DI MOTIVO TU, CICLISTA, VAI REGOLARMENTE CONTROMANO NELLE STRADE, SALI SUL MARCIAPIEDE, SFRECCI SULLA STRADA PARCO IL MERCOLEDI' MATTINA NONOSTANTE CI SIA IL MERCATO PIENO DI PEDONI E, SOPRATTUTTO, VORREI CAPIRE PERCHè, NONOSTANTE LA PISTA CICLABILE SULLA RIVIERA FATTA E RIFATTA DA OGNI SINGOLA AMMINISTRAZIONE COMUNALE CHE SI è SUCCEDUTA CON SPRECO DI SOLDI ANCHE MIEI, CONTINUI AD EVITARLA ACCURATAMENTE E PEDALI ACCALDATO SUL MARCIAPIEDE DELLA RIVIERA. sTAI FORSE CERCANDO DI ALLENARTI PER ABBATTERE QUANTI PIU' PEDONI POSSIBILI?!

Scusate lo sfogo. Ma in alternativa avrei potuto usare una cerbottana col curaro e non posso permettermi di andare in carcere. Ho una famiglia, anzi dei figli da accudire. Al marito ci pensa un'altra :)

Perline e Bottoni

13 commenti:

  1. temo che presto arriveranno altri rospi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dacce dentroooooooooooo bella dello stagno!!!!
      Facce sognà!!!!

      Te vojamo più aggressiva!!! :)
      (Rana Pinocchio)

      Elimina
  2. Come ti capisco! Parma è conosciuta per l'alto tasso di ciclisti, famose sono le signore terza età che vanno in giro in centro con pelliccia e bicicletta (evviva eh? :/ )
    Ho perso il conto di quante volte ho rischiato la vita, quasi asfaltata da un ciclista che sfrecciava sul marciapiede e che non vedi arrivare perchè aspetti l'autobus a fianco della pensilina e lui noncurante di anziani e bambini fa la gincana a velocità assurda... la pista ciclabile è di fronte. Di fronte, mica a 20 km.

    L'unica nota positiva è che aspettavo l'autobus davanti all'ospedale.. nel caso ero già lì.

    RispondiElimina
  3. da noi c'è una zona pedonale e ciclabile in riva al mare e una volta mia figlia stava per essere schiacciata da un ciclista.... perchè non ho capito il motivo ma pensano di stare a una gara di corsa e sfrecciano come matti! mio marito gli ha dato una collata facendolo cadere, altrimenti sarebbe finito sul passeggino!! e il tipo si è pure incazzato!!!

    RispondiElimina
  4. Adesso il problema sono diventati i ciclisti??
    Non gli automobilisti maleducati e incivili?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come sono questo automobilisti?? Dicci, dicci! Sputa il rospo!

      Elimina
    2. Antonio ma hai letto bene quello che ho scritto?! I cicllisti sono da ammirare, ma non possono infrangere le regole del codice della strada nè fare quello che gli pare. Andare contromano è da mentecatti, sfrecciare sui marciapiedi è da ricovero. A volte sono molto più arroganti i ciclisti che gli automobilisti. E di quelli io parlo, non di altri.

      Elimina
    3. Son sempre loro! Alternano l'auto alla bici, ma cafoni rimangono...

      Elimina
  5. ciao carissima,so chi sei,amica mia e sono assolutamente daccordo con te. Io e il mio compagno siamo gli UNICI ciclisti a Pescara che non salgono sul marciapiede, che non vanno contromano e che circolano con rispetto dei pedoni.......forse perchè fino alla settimana scorsa eravamo SOLO DEI SEMPLICI PEDONI che trovandosi a passeggiare con un papà infermo e due cani regolarmente al guinzaglio siamo stati più volte apostrofati dai suddetti ciclisti perchè SUL MARCIAPIEDE il mio papà o i nostri cani AL GUINZAGLIO intralciavano la loro corse a volte anche sfrenata tra bambini, coppie e aziani a passeggio. Ilo motivo di tutto ciò???? Semplicissimo!!!!!!!!!!!!! Vigili urbani che passeggiano sul lungomare incuranti di tale pessimo malcostume,ignorando il pericolo che questi rappresentano e evitando nel modo più assoluto di multare tali pessimi elementi!!!!!!!!! Ecco, i paesi del nord Europa oltre a essere dotati delle citate piste ciclabili hanno un servizio di controllo molto più rigido ed efficente. La civiltà quando non è innata si può assimilare grazie all'educazione e dove questa non arriva serve la disciplina. Garantito da una automobilista che una sola volta nella sua vita parcheggiò nell'area per disabili e dopo il sequestro della mezzo con relativa multa ha imparato PER SEMPRE la lezione! Ti bacio,ci vediamo al mare.

    RispondiElimina
  6. mah, io credo che i rospi si possano sputare anche senza parolacce e senza urlare (vedi stampatello)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premettendo che non ho propriamente scritto parolacce (la prossima volta magari scriverò un bip, così magari sarò un tantinello meno rozza e un pò più forbita), premettendo che la nettiquette di Internet la conosco così poco che dimentico spesso che il maiuscolo equivalga ad urlare ma io purtroppo non ho molto tempo per impratichirmi sul funzionamento e sulle regole di Internet perchè la mia vita scorre soprattutto e grazie a Dio lontano dal web, premettendo che pensavo questo fosse un blog dove l'ironia imperasse e governasse, ma evidentemente così non è per tutti, oltre che criticarmi (nel senso semantico della parola, che non mi offende affatto, sia ben chiaro) tu, cara "Diva delle curve" come la pensi?

      Elimina
    2. Wè la diva!!! E su con la vita... fatti due risate ogni tanto!!! Già sta vita è uno stagno!!!

      RosPinocchio!!!

      Perline noi abbiamo adorato il tuo sfogo!!!

      Elimina
  7. Ah beh, mi sa che tutta l'Italia è paese... non dico tutto il mondo è paese perchè all'estero hanno piste ciclabili separate dalle "piste pedonali", ed è una gran bella cosa. E il bello che noi italiani, che non ci siamo abituati, invediamo pure le ciclabili, lì... ;)))
    E facciamo la solita figura da cioccolatai...

    Comunque... dicevo, qui la metà dei ciclisti vanno per strada, quando a 40 cm c'è la pista ciclabile, giusto oltre il marciapiede. Ed è una cosa che non sopporto...
    Per non parlare dei furboni che escono dalla tangenziale (contromano) in bicicletta!!!! Questi oltre che furbi/ignoranti, sono pure pericolosi.
    Se io, automobilista, che cerco comunque di stare attento, per fatalità tiro sotto una di queste persone, oltre a rovinare la sua vita, rovino pure la mia... questo non lo trovo affatto giusto.

    Ma questi fresconi ci saranno sempre, purtroppo!

    RispondiElimina